Dizionario del biliardino: differenze tra le versioni

Da UZ wiki.
 
(4 revisioni intermedie di 3 utenti non mostrate)
Riga 5: Riga 5:
 
{{Q|Non perderla, can del porco!|[[Oscar Wilde]]}}
 
{{Q|Non perderla, can del porco!|[[Oscar Wilde]]}}
  
 +
===Flash===
 +
Grave mancanza difensiva, il flash si ha quando il tiro del difensore viene rispedito al mittente da parte dell'attaco avversario. A volte avviene a centrocampo, e alcuni maestri sono persino in grado di effettuarlo dalla difesa su un tiro dell'attaccante.
  
===Moscione===
+
===Giocare con Gauss===
Tiro al [[biliardino]] particolarmente lento. Si osserva sperimentalmente che il [[normalista medio]], abituato a valutare la funzione posizione della pallina che si muove a velocità molto più alte, è spiazziato nel momento in cui tornino ad essere valide le (in)usuali approssimazioni classiche, e dunque non sia capace di intercettare la pallina stessa.
+
{{Q|Il numero totale di gol in un biliardino è pari al flusso della pallina attraverso la superficie dello stesso, diviso per quattro vole pi greco.|[[Oscar Wilde]], su suggerimento di Carl Friedrich Gauss}}
  
Questo vuol dire che, tipicamente, un moscione ben diretto diventerà molto probabilmente un gol.
+
Quando si gioca con Gauss, la distribuzione di probabilità della posizione della pallina diventa piuttosto omogenea. E non solo dentro il biliardino.
 +
 
 +
===Gioco psicologico===
 +
Tecnica di attacco nel [[biliardino]] che consiste non tanto nel cercare di segnare, quanto nell'indurre l'avversario a effettuare un autogol, solitamente fissandolo in modo truce.
 +
Estremamente difficile da portare a termine senza allenamento, a meno che l'avversario non sia [[User:Guraltsev|Gennady]]: in tal caso non c'è neanche bisogno di fissarlo in modo truce.
  
 
===Gol statistico===
 
===Gol statistico===
 
Peculiare tipo di gol ottenuto grazie ad una perfetta coordinazione tra il movimento della partita e il tiro dell'attaccante (e ''assolutamente'' non dovuto al caso).
 
Peculiare tipo di gol ottenuto grazie ad una perfetta coordinazione tra il movimento della partita e il tiro dell'attaccante (e ''assolutamente'' non dovuto al caso).
 
Solitamente è ottenuto a partire da un tiro del difensore che rimbalza sul centrocampo avversario, a cui segue l'abbassamento dei centrocampisti, che colpiscono la palla spedendola in porta istantaneamente.
 
Solitamente è ottenuto a partire da un tiro del difensore che rimbalza sul centrocampo avversario, a cui segue l'abbassamento dei centrocampisti, che colpiscono la palla spedendola in porta istantaneamente.
 +
 +
===Liscio indotto===
 +
Sofisticata strategia consistente nell'evitare di colpire la pallina (''lisciarla''), inducendo lo stesso comportamento nel giocatore
 +
 +
Siccome i giocatori sono abituati ad avversari abili, una sporadica dimostrazione di incapacità li lascia spiazzati, rendendoli incapaci di agire.
 +
 +
===Moscione===
 +
Tiro al [[biliardino]] particolarmente lento. Si osserva sperimentalmente che il [[normalista medio]], abituato a valutare la funzione posizione della pallina che si muove a velocità molto più alte, è spiazziato nel momento in cui tornino ad essere valide le (in)usuali approssimazioni classiche, e dunque non sia capace di intercettare la pallina stessa.
 +
 +
Questo vuol dire che, tipicamente, un moscione ben diretto diventerà molto probabilmente un gol.
  
 
===Retropassaggio strategico===
 
===Retropassaggio strategico===
 
{{Q|No, non il retropassaggio strategico con il portiere...|[[Oscar Wilde]], al suo difensore}}
 
{{Q|No, non il retropassaggio strategico con il portiere...|[[Oscar Wilde]], al suo difensore}}
  
Noto anche come retropassaggio tattico, consiste in un qualsiasi tiro diretto indietro che però non entri nella propria porta.
+
{{Q|Avresti dovuto flasharla con il portiere!|[[Utente:Enricoenne|Attaccante]] che ha appena segnato un autogol}}
Se per puro caso (o per scelta, o per qualsiasi altro motivo) entra in porta, cambia rapidamente nome in [[autogol]].
+
  
===Gioco psicologico===
+
Il retropassaggio strategico, noto anche come retropassaggio tattico, è un qualsiasi tiro diretto verso la propria porta che però non entri nella stessa. Se per puro caso (o per scelta, o per qualsiasi altro motivo) entra in porta, il termine corretto è autogol.
Tecnica di attacco nel [[biliardino]] che consiste non tanto nel cercare di segnare, quanto nell'indurre l'avversario a effettuare un [[autogol]], solitamente fissandolo in modo truce.
+
Estremamente difficile da portare a termine senza allenamento, a meno che l'avversario non sia [[User:Guraltsev|Gennady]]: in tal caso non c'è neanche bisogno di fissarlo in modo truce.
+
  
===Giocare con Gauss===
+
===Giocare in tama===
{{Q|Il numero totale di gol in un biliardino è pari al flusso della pallina attraverso la superficie dello stesso, diviso per quattro vole pi greco.|[[Oscar Wilde]], su suggerimento di Carl Friedrich Gauss}}
+
  
Quando si gioca con Gauss, la distribuzione di probabilità della posizione della pallina diventa piuttosto omogenea. E non solo dentro il biliardino.
+
Stile di gioco che si basa sul continuo scambio di ruoli tra attaccante e difensore a seguito di ogni goal, sia subito che segnato, probabilmente usato per causare confusione tra i giocatori (sperabilmente tra gli avversari). Il nome deriva dall'allievo che per primo sperimentò questa tecnica: Tiziano Tamanini.

Versione attuale delle 14:05, 12 set 2018

“Una giornata senza subotto è una giornata persa”Oscar Wilde

“Cosa? Subotto male?”GdP

“Non perderla, can del porco!”Oscar Wilde

Flash

Grave mancanza difensiva, il flash si ha quando il tiro del difensore viene rispedito al mittente da parte dell'attaco avversario. A volte avviene a centrocampo, e alcuni maestri sono persino in grado di effettuarlo dalla difesa su un tiro dell'attaccante.

Giocare con Gauss

“Il numero totale di gol in un biliardino è pari al flusso della pallina attraverso la superficie dello stesso, diviso per quattro vole pi greco.”Oscar Wilde, su suggerimento di Carl Friedrich Gauss

Quando si gioca con Gauss, la distribuzione di probabilità della posizione della pallina diventa piuttosto omogenea. E non solo dentro il biliardino.

Gioco psicologico

Tecnica di attacco nel biliardino che consiste non tanto nel cercare di segnare, quanto nell'indurre l'avversario a effettuare un autogol, solitamente fissandolo in modo truce. Estremamente difficile da portare a termine senza allenamento, a meno che l'avversario non sia Gennady: in tal caso non c'è neanche bisogno di fissarlo in modo truce.

Gol statistico

Peculiare tipo di gol ottenuto grazie ad una perfetta coordinazione tra il movimento della partita e il tiro dell'attaccante (e assolutamente non dovuto al caso). Solitamente è ottenuto a partire da un tiro del difensore che rimbalza sul centrocampo avversario, a cui segue l'abbassamento dei centrocampisti, che colpiscono la palla spedendola in porta istantaneamente.

Liscio indotto

Sofisticata strategia consistente nell'evitare di colpire la pallina (lisciarla), inducendo lo stesso comportamento nel giocatore

Siccome i giocatori sono abituati ad avversari abili, una sporadica dimostrazione di incapacità li lascia spiazzati, rendendoli incapaci di agire.

Moscione

Tiro al biliardino particolarmente lento. Si osserva sperimentalmente che il normalista medio, abituato a valutare la funzione posizione della pallina che si muove a velocità molto più alte, è spiazziato nel momento in cui tornino ad essere valide le (in)usuali approssimazioni classiche, e dunque non sia capace di intercettare la pallina stessa.

Questo vuol dire che, tipicamente, un moscione ben diretto diventerà molto probabilmente un gol.

Retropassaggio strategico

“No, non il retropassaggio strategico con il portiere...”Oscar Wilde, al suo difensore

“Avresti dovuto flasharla con il portiere!”Attaccante che ha appena segnato un autogol

Il retropassaggio strategico, noto anche come retropassaggio tattico, è un qualsiasi tiro diretto verso la propria porta che però non entri nella stessa. Se per puro caso (o per scelta, o per qualsiasi altro motivo) entra in porta, il termine corretto è autogol.

Giocare in tama

Stile di gioco che si basa sul continuo scambio di ruoli tra attaccante e difensore a seguito di ogni goal, sia subito che segnato, probabilmente usato per causare confusione tra i giocatori (sperabilmente tra gli avversari). Il nome deriva dall'allievo che per primo sperimentò questa tecnica: Tiziano Tamanini.